il DUVRI va aggiornato?

Si, se ci sono nuove attività operative o per modifiche di quelle esistenti. E’ il committente che, con una nuova riunione di coordinamento, aggiorna il DUVRI (valutazione delle interferenze e misure preventive e protettive) prima di modificare i contratti con i fornitori.

Attenzione che, ai fini della sicurezza sul lavoro, i contratti e il relativo DUVRI sono da conservare per la durata dei lavori.

 

Fonte: Inail, tramite Confindustria Vercelli Valsesia

http://www.duvri8108.it/procedura/diagramma-di-flusso/coordinamento-integrazione-ed-aggiornamento-periodico/